Sei qui: Home Chi siamo lo statuto

lo statuto

Art. 1 Costituzione 

E' costituita l'Associazione musicale denominata “MusiKattiva”, l’Associazione ha sede legale in Salerno al viale Giuseppe Verdi n°2, Parco Arbostella Salerno, la durata dell’Associazione è illimitata. La modifica della sede non comporta modifica statutaria. L'Associazione, con delibera del proprio Consiglio Direttivo, può istituire sedi operative.

Art. 2 Carattere 

L'associazione è centro permanente di vita a carattere volontario e democratico la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo. L'associazione è apolitica e non ha finalità di lucro.

Art. 3 Scopi 

L’associazione ha per scopo la creazione di un punto di riferimento forte e stabile in una zona periferica, che possa dare spazio a chi voglia avvicinarsi al mondo della musica in modo sano. Si terranno, inizialmente corsi di chitarra, pianoforte, basso, canto e batteria, per gli iscritti all’associazione. I corsi saranno condotti da associati in possesso del compimento medio di conservatorio (e quindi che abbiano la licenza di solfeggio) in modo tale, che in attesa di un imminente diploma, abbiano modo di avvicinarsi al mondo dell’insegnamento e di raccogliere durante questo percorso maggiore esperienza, in alternativa potranno insegnare gli associati che hanno una spiccata capacità musicale. Inoltre nella struttura si terranno: master, stage e seminari di perfezionamento musicale, tenuti da maestri esperti. Tra gli scopi del’associazione, vi è quello di creare una sala prove e di registrazione di qualità, in modo da dare la possibilità alle numerose band giovanili che non riescono a trovare spazi adeguati la possibilità di usufruire della nostra sala. La preparazione che verrà data agli associati, sarà verificabile tramite concerti di fine anno ed eventi culturali.

L'associazione ha inoltre per scopo la promozione, la produzione, la pratica e la realizzazione nonché la diffusione, di iniziative e di servizi nei settori dello spettacolo della cultura e dell'arte in generale, della comunicazione, dell'intrattenimento, della formazione sociale e professionale, della ricerca culturale e artistica, su tutto il territorio nazionale e fuori di esso, la promozione, lo studio e la ricerca di autori, testi e prodotti della cultura, della storia e dell'arte in genere, in Italia e nei paesi esteri, nonché lo scambio culturale e artistico tra culture nazionali e internazionali. 

Nel perseguimento degli scopi statutari, l'Associazione promuove, organizza, produce, realizza e diffonde: manifestazioni, opere ed eventi culturali, musicali, teatrali, letterari, cinematografici, ricreativi, di informazione, mostre, proiezioni, spettacoli, ecc. e vi partecipa con i propri soci se promosse ed organizzate da altre Associazioni, Enti Pubblici o Privati; Potrà inoltre organizzare in proprio e/o per conto terzi seminari, conferenze, concorsi, premi, dibattiti, convegni, viaggi finalizzati alla diffusione di spettacoli, di ricerca artistica, di produzioni culturali ed artistiche e ospitalità per Associazioni, enti pubblici o privati di altre nazioni per le stesse finalità. L'associazione per il raggiungimento dei suoi fini statutari potrà svolgere attività editoriale curando la pubblicazione e la diffusione gratuita di periodici, bollettini d'informazione, giornali, materiale audio-visivo e libri, nei settori di interesse, rivolti anche ai non soci, nonché l'allestimento, la pubblicazione e la gestione di siti Web, il tutto per la diffusione e la divulgazione della sua attività e di quella dei suoi soci. Per il perseguimento dei propri scopi l'Associazione potrà chiedere consulenze, ingaggiare artisti, esperti, personale specializzato ed altro personale interno o estraneo all'Associazione. L'Associazione potrà, inoltre, noleggiare o acquistare, se necessario o utile per la realizzazione delle proprie iniziative per fini statutari, mezzi per il trasporto di persone o cose, materiali e macchinari e quant'altro sia utile compresi beni mobili ed immobili.

Art. 4 Organi 

Gli organi dell'associazione sono:

L'assemblea dei soci; 

Il Presidente; 

Il Consiglio direttivo; 

Tutte le cariche elettive sono gratuite, salvo il rimborso delle spese varie regolarmente documentate. 

Art. 5 Soci 

Possono diventare soci tutti coloro che condividono e accettano le finalità dell'Associazione, così come espresse dal presente statuto, e intendono collaborare per il raggiungimento dei fini ivi indicati.

I soci si dividono nelle seguenti categorie:

Soci Fondatori rappresentati dai soci che hanno costituito l’Associazione e a cui è riconosciuto il diritto di voto;

Soci Ordinari rappresentati dai soci che intendono operare attivamente all’interno dell’Associazione e prodigarsi per la realizzazione delle attività della stessa, ad essi è riconosciuto il diritto di voto;

Soci Sovventori rappresentati dai soci che intendono partecipare alle attività dell’Associazione ma non impegnarsi attivamente, se non in modo marginale, alla loro realizzazione per questa categoria di soci non è riconosciuto il diritto di voto.

Le richieste di ammissione all'associazione vengono presentate in forma scritta, accettate dal Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo potrà motivare l'eventuale diniego su richiesta scritta del richiedente. 

I soci sono tenuti al versamento di una quota annua il cui importo è fissato dall'Assemblea ed è stabilita in relazione ai programmi di attività.

Le quote sociali non sono rimborsabili, sono intrasmissibili e non rivalutabili. 

Il numero dei soci è illimitato. Tutti i soci hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri. 

I soci hanno diritto a partecipare a tutte le attività promosse dall'Associazione, riunirsi in assemblea per discutere e votare sulle questioni riguardanti l'Associazione, eleggere ed essere eletti membri degli organi dirigenti, essere rimborsati delle spese anticipate in nome e per conto dell'Associazione. 

I soci sono tenuti all'osservanza dello Statuto, di eventuali regolamenti e delle deliberazioni assunte dagli organi sociali. 

Ai soci non è vietato appartenere ad altre associazioni aventi lo stesso scopo. 

La qualifica di socio si perde per: decesso, mancato pagamento della quota sociale, dimissioni scritte, espulsione per i seguenti motivi: inosservanza delle disposizioni dello statuto, di eventuali regolamenti o delle deliberazioni degli organi sociali, per danni morali e materiali arrecati all'Associazione. 

L'esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo 

Contro ogni provvedimento di espulsione è ammesso ricorso al Presidente entro trenta giorni, sul quale decide in via definitiva la prima Assemblea dei soci. Le deliberazioni prese in materia di recesso, decadenza ed esclusione debbono essere comunicate ai soci destinatari mediante lettera raccomandata o altro mezzo idoneo. 

Art. 6 Assemblea dei Soci

L'assemblea può essere ordinaria o straordinaria. 

L'assemblea ordinaria delibera su qualsiasi proposta venga presentata alla sua attenzione e in particolare: 

  • elegge nel proprio seno il Consiglio direttivo ed il Presidente dell'Associazione; 
  • stabilisce l'entità della quota sociale annuale, approva i bilanci preventivi e consuntivi; 
  • approva i programmi dell'attività da svolgere, con gli obiettivi e i progetti prioritari da realizzare; 
  • redige, modifica, revoca i regolamenti interni. 

L'assemblea è convocata in via ordinaria dal Presidente almeno una volta l'anno entro il trenta aprile, in via straordinaria ogni qualvolta ne ravvisi la necessità o quando ne faccia richiesta il Consiglio direttivo o un decimo dei soci. 

La comunicazione dell'assemblea è inviata ai soci via e-mail, sms, fax o altro mezzo idoneo. 

L'assemblea è formata da tutti i soci, ognuno dei quali ha diritto ad un voto, ed è presieduta dal Presidente, in caso di sua assenza l'assemblea elegge un proprio presidente per la seduta. Ciascun socio, nelle votazioni dell'assemblea generale, può rappresentare solo un altro socio con delega scritta, a esclusione delle votazioni riguardanti le cariche sociali. 

L'assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita, in prima convocazione, alla presenza della metà più uno dei soci, in seconda convocazione è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti. 

L'assemblea delibera a maggioranza dei voti dei presenti, salvo che sullo scioglimento dell'Associazione per cui occorrerà il voto favorevole dei due terzi degli associati presenti. 

I voti sono palesi, tranne quelli riguardanti l'elezione delle cariche sociali. 

Le discussioni e le deliberazioni dell'Assemblea sono riassunte in verbale che ogni socio ha diritto di consultare. 

Art. 7 Consiglio Direttivo 

Il Consiglio Direttivo è formato dal Presidente dell’Associazione e degli altri membri eletti dall’Associazione in numero variabile da 2 a 4 secondo una decisione adottata dalla stessa assemblea preliminarmente alle elezioni dei componenti il Consiglio Direttivo.

I componenti del Consiglio restano in carica quattro anni e sono rieleggibili. 

Il Consiglio direttivo è presieduto dal Presidente dell'Associazione ed è l'organo di amministrazione e di esecuzione degli indirizzi e delle deliberazioni espressi dall'Assemblea generale; è altresì investito dei più ampi poteri per lo svolgimento delle attività di ordinaria e straordinaria amministrazione, nei limiti stabiliti dalla legge e dal presente statuto. 

In particolare, e tra gli altri, sono compiti del Consiglio direttivo: 

  1. elegge nel suo seno un vice Presidente e un Segretario Tesoriere;
  2. eseguire le delibere dell'assemblea; 
  3. formulare i programmi di attività sociale sulla base delle linee approvate dall'assemblea; 
  4. predisporre il bilancio preventivo e consuntivo; 
  5. deliberare circa l'ammissione dei soci;
  6. curare la gestione di tutti i beni mobili e immobili di proprietà dell'associazione o ad essa affidati; 
  7. decide sull'attività e le iniziative dell'associazione e sulla sua collaborazione con terzi; 
  8. stabilisce le prestazioni di servizi ai soci ed ai terzi e le relative norme e modalità; 
  9. nomina e revoca dirigenti e funzionari e impiegati ed emana ogni provvedimento riguardante il personale; 
  10. conferisce e revoca procure. 

Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente tutte le volte nelle quali vi sia materia su cui deliberare, oppure quando ne sia fatta domanda da un terzo dei suoi membri. 

Le sedute sono valide quando vi intervenga la maggioranza dei componenti. Le deliberazioni sono prese a maggioranza di voti dei consiglieri presenti. In caso di parità di voti prevale quello del Presidente. 

Art. 8 Presidente 

Il Presidente è eletto dall'assemblea, rimane in carica quattro anni con possibilità di rinnovo. Ha la rappresentanza legale dell'associazione e ne firma tutti gli atti, convoca l'Assemblea Generale dei soci, convoca, coordina e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo.

In caso di assenza o di impedimento temporaneo le sue mansioni vengono esercitate dal Vice Presidente.

Art. 9 Patrimonio e Entrate 

Il patrimonio e le entrate dell'Associazione sono costituite da: 

  1. quote e contributi straordinari dei soci, negli importi stabiliti dall'Assemblea; 
  2. beni immobili, mobili a qualsiasi titolo acquisiti in proprietà; 
  3. contributi pubblici e privati; 
  4. dotazioni, lasciti, liberalità; 
  5. rimborsi da convenzioni; 
  6. introiti derivanti dalla propria attività.

L’Associazione non persegue finalità di lucro, ed eventuali proventi delle attività consentite non possono, in nessun caso, essere divise fra gli associati anche in forme indirette. Vige l’obbligo di reinvestire l’eventuale avanzo di gestione a favore di attività istituzionali e statutariamente previste.

Art. 10 Esercizio Sociale 

L'esercizio sociale della associazione ha inizio il 1 gennaio e si chiude il 31 Dicembre di ogni anno. Il consiglio direttivo presenta annualmente entro il trenta aprile all'assemblea il bilancio consuntivo dell'esercizio trascorso e quello preventivo per l'anno in corso, che li approva a maggioranza di voti. Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi e i lasciti ricevuti. 

Art. 11 Scioglimento

Lo scioglimento dell'Associazione può essere deliberato dall'assemblea con il voto favorevole di almeno i due terzi aventi diritto di voto. 

In caso di scioglimento dell'Associazione, l'assemblea dei soci nominerà uno o più liquidatori stabilendone i poteri determinando la destinazione del patrimonio attivo e le modalità della liquidazione. 

Esperita la liquidazione di tutti i beni mobili e immobili, estinte le obbligazioni in essere, tutti i beni residui saranno devoluti al fine di perseguire finalità di utilità generale a Enti o Associazioni che perseguano la promozione e lo sviluppo dell'Attività di cui all’art. 3. 

Art. 12 Controversie 

Per ogni controversia tra i soci è competente a decidere il Consiglio direttivo. 

Art. 13 Norma finale 

Per quanto non è espressamente contemplato dal presente statuto valgono, in quanto applicabili, le norme del Codice Civile e le disposizioni di legge vigenti. 

 

Salerno 22 marzo 2012

 

 
 

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Musikattiva per essere sempre informato delle novità e degli eventi in programma dell'associazione !